Idee di viaggio

Il Camì de Cavalls

Il modo migliore per scoprire l'isola di Minorca è a piedi, percorrendo il Camì de Cavalls

Camì de Cavalls A PIEDI Shutterstock
3/5

Il Camí de Cavalls, il sentiero dei cavalli, è un reticolo di sentieri che si intreccia intorno al perimetro di Minorca ed è il modo più bello per scoprire l'isola.

Camì de Cavalls

Il cammino è molto antico e fu creato per collegare i punti principali dell'isola, vie di comunicazione utili in caso di minacce ed attacchi. Oggi è spesso l'unica via per accedere alle calette e alle spiagge più belle e remote, oppure un itinerario di 20 tappe per scoprire Minorca a piedi (qui trovate tutte le info sulle isole spagnole).

Il cammino può essere percorso nella sua interezza (circa 180 km) oppure solo per qualche tappa. 

Il cammino inizia ufficialmente a Mahón, la capitale dell’isola, con la prima tappa (in tutto sono 20 tappe), ma si può iniziare a camminare in qualsiasi punto del percorso e seguire il giro in senso orario o antiorario. Quel che conta è percorrere l'isola con lentezza al ritmo lento dei propri passi.

All’inizio di ogni tappa, facilmente raggiungibile con un’automobile (oppure con gli autobus pubblici in alta stagione), ci sono pannelli molto utili che spiegano caratteristiche storiche e paesaggistiche della tappa, altimetria e km da percorrere.

Il tempo necessario per percorrere interamente il Camí de Cavalls è di 10-15 giorni, a seconda di quanto ci si intende fermare. 

Tappe e percorso

Il Camì de Cavalls è un cammino lungo circa 180 km e ufficialmente diviso in 20 tappe, alcune delle quali possono essere accorpate.

Le tappe misurano dagli 8 ai 14 km e permettono di dormire ogni giorno in un paese diverso.

Le tappe più belle ed imperdibili del percorso sono quella che va da Es Grau a Favàritx (8,6 km, seconda tappa)

Partendo dalla spiaggia di Es Grau, si attraversa il Parco Naturale dell’Albufera, la spiaggia di Sa Torreta, le spiagge vergini di Cala Tortuga e Cala Presili, fino a raggiungere il Faro di Favàritx con il suo incredibile paesaggio lunare. 

La terza tappa (dal faro di Favàritx a Arenal d’en Castell, 13,6 km) passa per il paesaggio interno minorchino, per saline abbandonate e, deviando di poco) per le spiagge solitarie di S’Esclusa e Mongofre. 

Visitate il porto dell’antica città romana di Sa Nitja e il Faro di Cavalleria, che con le sue scogliere alte fino a 80 metri è il punto più a nord dell’isola.

La tappa sette (da Els Alocs a Algaraiens) passa per spiagge dorate (Cala Pilar), cale di ciottoli (Els Alocs), boschi e spiagge rosse. 

La tappa 10 (da Punta Nati a Ciutadella, 10,5 km) parte dal Faro di Punta Nati, uno dei posti più belli per vedere il tramonto a Minorca. Duranet questa tappa si cammina nel territorio più arido di Minorca e su un ponte naturale di pietra (Pont d'en Gil). 

La tappa dodicesima (da Cap d’Artrutx a Cala Turqueta, 13,3 km) è una delle tappe più belle della costa sud. Si passa per le spiagge selvagge di Son Saura, Es Talaier e Turqueta (qui trovate tutte le spiagge più belle di Minorca). 

La tappa 13 passa per cala Macarella e Macarelleta e per il Barranco d’Algendar, dove i cavalli vivono allo stato brado. 

La tappa 14 (da Cala Galdana a Santo Tomàs) passa per boschi rigogliosi e per le mitiche Cala Mitjana e l’adiacente Mitjaneta.

 

Scopri