Idee di viaggio

Vado a Vivere in Thailandia

Spiagge bianche, mare cristallino e caldo tutto l'anno. Quante volte avrete pensato di lasciare tutto e di andare a vivere in una meta esotica? E come fare con i visti e i permessi? Se avete intenzione di mollare tutto, ecco tutto quello che dovete sapere per andare a vivere in Thailandia

Andare a vivere in Thailandia TRASFERIRSI Shutterstock
5/5

Quante volte avete pensato di volere mollare tutto ed andare a vivere in un posto completamente diverso? Magari caldo, per vivere in ciabatte e costume da bagno tutto l'anno, lontani dal routinario caos metropolitano, circondati da una natura mozzafiato fatta di spiagge bianchissime e mare cristallino, tra gente sorridente, depositando l'orologio nel cassetto. Vi piacerebbe eh?

GUARDA ANCHE: DOVE ANDARE IN THAILANDIA AD AGOSTO

 

Andare a vivere in Thailandia

Se dopo l'ultima vacanza tra le più belle isole più belle della Thailandia proprio non ve le riuscite a togliere dalla mente e vi viene quasi voglia di mollare tutto e ritornarci... magari per restarci, ecco tutto quello che dovete sapere per andare a vivere nella terra del torriso.

 

Prima di partire chiedetevi bene se state facendo la scelta giusta, in quale città avete intenzione di sistermarvi e dove abituarvi agli usi e costumi della popolazione. Dimenticate gli appuntamenti, l'orologio, il tempo qui sembra dilatarsi e, se bevete qualcosa con un amico/a thai ricordate che a pagare sarete sempre voi :)

Considerate tutti gli aspetti possibili della Thailandia: dai servizi all'assistenza sanitaria e previdenziale, le prospettive di lavoro e le tante altre cose che riguardano il quotidiano. Avete verificato che un'attività come quella che volete intraprendere abbia un mercato potenziale sull'isola dove volete andare? Siete certi che la vita e il traffico congestionato di Bangkok facciano al caso vostro? 

Prima di partire pensate ai possibili investimenti per poter restare in Thailanda perché è l'unica garanzia per poter vivere a tempo indeterminato e con un regolare permesso di soggiorno nel paese, a meno che non decidiate di sposarvi con un cittadino/a thailandese. E se ancora siete convinti di farlo ecco di seguito cosa dovete sapere per trasferirvi un Thailandia.

Visto per la Thailandia

Qui di seguito abbiamo raccolto tutte le informazioni utili sui visti per entrare in Thailandia, la validità e la durata del visto e le alternative per soggiornare nel paese a lungo termine. 

 

  • Visa on arrival

 

Come ben sapete, potete arrivare in Thailandia, per fini turistici, utilizzando il VOA, il visto all'arrivo, che vi permetterà di soggiornare per un periodo di 30 giorni senza la necessità di assolvere nessuna formalità o richiedere alcun tipo di visto. Il visto potrà essere prorogato per altri sette giorni presso l'Ufficio di Immigrazione. Chi rimarrà nel Paese per un periodo superiore a quello stabilito dal Visto dovrà pagare al momento dell'uscita dal Paese, presso la Polizia di Frontiera, una penale di 500 baht per ogni giorno in eccesso. Il limite è fissato ai 20.000 Baht altrimenti si rischia l'arresto. La Visa on Arrival si ottiene direttamente in aeroporto e non è altro che un timbor. Le autorità si riservano la possibilità di visionare il biglietto di ritorno prima di concedere il visto. 

  • Visto Turistico 

 

Se invece volete restare per più di un mese, prima di partire dovrete farvi rilasciare un visto turistico che ha una validità di 60 giorni e si richiede presso l'Ambasciata o il Consolato Thailandese. Il visto può essere prorogato per un ulteriore mese dall'ufficio di immigrazione, pagando una tassa di 1.900 bath. Chi vuole rimanere oltre i 3 mesi deve necessariamente uscire dalla Thailandia per poi rietrantrare e prorogare il soggiorno per un massimo di 180 giorni. Attenzione però, con questo tipo di visto non potrete lavorare o aprire un'attività a meno che non convertiate il vostro visto con un Non Immigrant presso l'Ufficio Immigrazione.

 

  • Visto non Immigrant 

 

Chi desidera rimanere in Thailandia oltre i 60 giorni, può richiedere il visto Non Immigrant, che ha durata di 90 giorni ma è prorogabile fino ad un anno. Questo tipo di visto è rilasciato a chi si trasferisce in Thailandia per lavoro. Le più comuni categorie di Visto Non Immigrant sono di tipo B, BA  e 0. Chi ha intenzione di lavorare in Thailandia e dunque di richiedere il permesso di lavoro dovrà fare domanda per la categoria B in modo da poter poi in loco estendere la propria permanenza. Questo visto dà il permesso di un soggiorno di 3 mesi, al termine dei quali è necessario attraversare una qualsiasi frontiera, per poi rientrare in Thailandia e prorogare l'ingresso per altri 3 mesi.

Nel caso in cui uno straniero intenda lavorare per una società Thailandese è possibile, ad esempio, fare domanda per il Visto categoria BA che contempla l'estensione prima dell'arrivo della persona designata al lavoro. Questo tipo di Visto viene emesso dall'Ambasciata o dal Consolato secondo le leggi dell'Immigrazione.

Un altro tipo di Visto Non Immigrant è quello di categoria 0 che viene richiesto normalmente dai familiari dei cittadini stranieri che svolgono attività in Thailandia e da cittadini stranieri sposati con cittadini thai, da cittadini stranieri aventi un genitore thai e da cittadini stranieri in pensione intenzionati a vivere in Thailandia. Attualmente viene rilasciata una sola entrata, per poi richiedere il permesso di soggiorno annuale negli uffici di immigrazione in Thailandia.

 

  • Visto Business

 

Se invece volete vivere in Thailandia ed aprire un'attività sul territorio sarà necessario creare una società e che rispetti i minimi salariali del paese da cui provieni. Se volete recarvi a vivere in Thailandia ed ottenere un visto Business dovrete investire un minimo di 50.000 baht.

Vi ricordiamo che in Thailandia alcuni lavori sono proibiti agli stranieri, a meno che non si ottenga la cittadinanza Thailandese. Tra i lavori off limits per i quali si rischia la prigione, annoveriamo il lavoro manuale, l'allevamento di animali, i lavori di muratura, carpenteria o altri lavori di costruzione, lavorare il legno come scultore, fare l'autista di qualsiasi mezzo meccanico, escluso pilota di aereo internazionale, fare il commesso, barbiere, parrucchiere o trattamenti di bellezza. La lista è molto lunga, per maggiori dettagli vi rimandiamo a mfa.go.th.

 

  • Come ottenere la Cittadinanza thailandese

 

Gli aspiranti cittadini thailandesi devono lavorare in THailandia, aver vissuto in Thailandia per un periodo continuativo non inferiore a 5 anni e conoscere la Lingua Thai. Una volta ottenuta la cittadinanza vi verrà rilasciato un documento di residenza molto simile alla nostra Carta di Identità.

Il richiedente deve aver ricevuto l’estensione annuale del visto o dei visti successivi Non Immigrant per almeno 3 volte consecutive per poter sottoscrivere la richiesta. L’aspirante deve essere in possesso di Visto Non Immigrant al momento della richiesta e dovrà compilare un apposito modulo e fornire una lista di documenti alla Criminal Investigation Division Group.

 

  • Visto per i pensionati

 

E come nei più bei lieto fini, dopo aver preso trattamento di fine rapporto e la pensione, potrete godervi il meritato riposo in una delle bellissime spiagge thailandesi. È necessario avere più di 50 anni, avere una fedina penale pulita e non avere un permessoper lavorare in Thailandia. Ah e una cosa fondamentale: dovrete dimostrare di avere i soldini!

Dovrete prensentare una copia di un estratto conto bancario da cui risulti depositata una somma non inferiore a 800.000 baht da almeno 3 mesi o un certificato di reddito con uno stipendio mensile che non sia inferiore a 65.000 baht, oppure un conto di deposito più un reddito mensile che non sia inferiore a 800.000 baht all’anno.

Sistema Sanitario

 

Il sistema sanitario in Thailandia esiste ed è gratuito per tutti i cittadini thailandesi. La mutua thailandese non garantisce le cure per alcune malattie croniche quali cancro e insufficienza renale, ma, se avete bisogno di un ricovero per una qualche malattia coperta dal sistema sanitario, è gratuito per tutti, sotto i 60 anni e con qualsiasi reddito.

Clima in Thailandia

 

Il clima in Thailandia è di tipo tropicale, molto caldo ed umido, dominato dal regime dei monsoni. Sono due le stagioni che caratterizzano il clima del paese: quella umida estiva (tra maggio e ottobre) e la secca stagione invernale (tra novembre e aprile). I mesi tra marzo e maggio sono i mesi più caldi dell'anno.

La stagione delle piogge arriva a partire dal mese di maggio e dura fino ad ottobre. Attenzione, a seconda della zona di soggiorno, potrete vivere giornate di pioggia ininterrotta.

 

 

Scopri