Idee di viaggio

Otto giorni a Budapest

A Budapest tra terme, edifici storici e pub nelle rovine e quattro giorni a Vienna, cosa vedere, dove mangiare e dritte utili da chi c'è stato.

Terme di Budapest VIAGGI URBANI Shutterstock
/5

Periodo: Agosto

Sono passate oramai 2 settimane dal mio viaggio in giro per le capitali di quello che fu l'Impero Austro-Ungarico. Per quanto riguarda l'organizzazione abbiamo scelto di partire e ripartire dall'aeroporto di Budapest con Ryanair. Partenza ovviamente da Roma Ciampino in orario notturno il 12/08. Il volo a/r ci è venuto sui 60 € + 6 € per la tratta CIA-BUD.

I primi 4 giorni siamo stati a Budapest, gli ultimi 4 a Vienna con ritorno all'aeroporto ungherese e partenza serale il 20/08.
Tra le due città ci siamo spostati via bus con la solita Eurolines al prezzo di circa 17 € a/r! A Ciampino siamo arrivati motorizzati... solito aeroporto obrobrioso... (FR quando vieni in Campania?!?!?! -.-). A Budapest abbiamo dormito al Hostel Budapest Center a 12 € a notte che si trova a pochi passi da Deak Ferenc ter, a Vienna invece al Wombats at Naschmarkt, a 22 € a notte.

Detto questo cominciamo! :D

I Giorno

Intorno alle 17:30 partiamo da Naples alla volta di Ciampino, il mio scalo più utilizzato mio malgrado. Zero traffico sebbene fosse il 12 agosto ed in poco più di 1 ora e mezza siamo a Ciampino. Parcheggio al solito Low Cost Parking e navetta fino all'aeroporto. Il tempo scorre molto lentamente, quindi abbiamo modo di mangiare tranquillamente, anche se l'attesa si fa sentire... Tra l'altro i voli notturni non li gradisco molto...

La noia estrema ci fa addirittura mettere in fila 1 ora e mezza prima dell'apertura del gate... Siamo stati infatti i primi (tra quelli senza il Priority Pass) a salire sull'aereo (che emozione hahaha), ma non nascondo che stare lì seduti a terra accampati nell'attesa l'aereo arrivasse e cominciassero le operazioni di boarding è stato molto stancante (abbiamo giocato a nome, cose e città xD)! Volo passato davvero in un baleno, poco più di un'ora e mezza e siamo giunti a destinazione.

Arrivati all'aeroporto di Budapest, dato che non abbiamo nessun bagaglio in stiva, subito raggiungiamo l'uscita alla volta del banchetto dell'Airport Shuttle che ci porterà all'ostello. In realtà la prima cosa che abbiamo cercato è stato un atm, ma non funzionava... (come è stato detto anche in diversi topics).
Con 5 € cadauno, in ogni caso, veniamo accompagnati all'ostello... Cosa dire dell'ostello?

Io soffro di allergia, quando vado negli ostelli so che molto spesso troverò polvere, ma questo qui è stato uno dei peggiori... Tra l'altro c'erano dei letti a castello assurdi... ossia un letto con altri due sopra... con scale assolutamente inadatte... quando si saliva ci si faceva davvero male!! Ed infatti abbiamo preferito dividere i letti piuttosto che raggiungere l'ultimo lì in alto o.O. Tralasciando l'ostello dopo esserci sistemati ed aver fatto notare al receptionist l'assurdità delle scale e dei letti decidiamo di scendere per assaggiare un po', ma giusto un po', Budapest, anche perché siamo stanchissimi :P.

Ci avevan detto che a Budapest facesse caldo in quel periodo... beh di sera invece ha fatto freddissimo (per fortuna avevo una felpa), quindi andiamo a vedere soltanto l'Elizabeth Bridge che era fuori la nostra via per fare conoscenza con il Danubio ungherese :P.
Ci si ferma anche per un kebab e si rientra. Sono anche le 2 di notte, quindi necessitiamo di riposo!

II Giorno

Ci si sveglia di buon ora, è la prima giornata di visita della capitale magiara! Il nostro ostello non ci serve la colazione, quindi dopo esserci preparati scendiamo e dirigendoci verso Deak Ferenc Ter notiamo un supermercato. Qui troviamo delle brioches con cioccolata e zucchero a velo a 50 centesimi... E vedendo anche il resto della roba da mangiare costa davvero poco!

In realtà per strada, prima di trovare il supermercato, siamo passati fuori la Sinagoga di Budapest, la più grande d'Europa. Da fuori è maestosa, da dentro non so dato che non ci siamo entrati :P, costava anche un po'. Costeggiando la sinagoga però abbiamo intravisto una delle opere più particolari, posta nel giardino alle spalle dell'edificio, il cosiddetto "Albero della Vita".

In ogni caso fatto un po' di spesa da Deak Ferenc scendiamo una via con degli stand che porta a Vorosmarty Ter, piazza molto carina del centro.
Qui ci sono anche l'Hard Rock e brand di abbigliamento come New Yorker, H&M, Bershka etc. Comprata la classica maglietta dell'Hard Rock, il cui prezzo a me pare aumentare di volta in volta, decidiamo di dirigerci sul lungofiume.

Arrivati sulle rive del Danubio ci dirigiamo verso il Ponte delle Catene, uno dei ponti più celebri di Budapest. Noi siamo sul lato di Pest e sul viale pedonale si possono trovare varie statue di personaggi della cultura ungherese. Sull'altra sponda, invece, si apprezzano i principali monumenti di Buda, ossia il Castello, la chiesa di Mattia Corvino e il Bastione dei Pescatori. Di fianco il viale, leggermente in sopraelevata, passa l'inconfondibile n.2, il tram giallo e bianco che costeggia le rive del Danubio. Arrivati ai piedi del Ponte delle Catene e persa una mezzoretta per tutte le foto di rito, ci riposiamo un po' su una spiaggetta sulla quale c'erano anche le sdraio a disposizione ed il wifi :D! Credo che siamo rimasti a poltrire sdraiati con la bella brezza "fluviale" per una buona ora e mezza :P.

Recuperate le forze decidiamo di dirigerci verso Piazza della Libertà, con il Memoriale Sovietico. La piazza non è nulla di che, però acchiappiamo un gruppo di turisti con guida ed origliando scopriamo qualche info sui palazzi che circondano la piazza. Lì c'è anche l'ambasciata americana... posta di fronte il Memoriale Sovietico... E di fronte il Memoriale Sovietico c'è anche una statua di Ronald Reagan... Chissà se è tutto un caso :P. Da qui si può anche apprezzare la cupola del Parlamento, a cui dedicheremo il III giorno.

C'è da dire che la parte turistica di Budapest è abbastanza piccola ed infatti tutti questi giri sono fatti on foot, economico e salutare :P.
Dopo aver "circumnavigato" l'ambasciata evitando di fare foto (dato che c'erano molti cartelli che lo vietavano espressamente) andiamo a Santo Stefano, il duomo di Budapest. Costruzione davvero maestosa in una piazza che la valorizza. Rispetto a Piazza della Libertà poi c'è una marea di gente!

Da Santo Stefano proseguiamo lungo Andrassy Utca, la via dello shopping budapestino e dopo esser passati davanti l'Opera decidiamo di rientrare in ostello per prepararci alla prima vera serata in terra ungherese! Dopo esserci preparati decidiamo di andare a mangiare in un ristorantino che avevamo notato in mattinata. Si chiama Drum Cafe e si trova a Dob Utca, a due passi da Deak Ferenc. Che dire?

STRACONSIGLIATISSIMO!!!!! A 1800 HUF abbiamo mangiato una porzione immensa di gulasch, dumplings, bibite e torta! Prezzi assolutamente imbattibili! Ci sono anche i menu turistici a 1100 HUF con gulasch, primo piatto, bibita e dolce! E dopo essere usciti con la pancia pienissima decidiamo di concludere la serata in uno dei più celebri pub in rovina budapestino, lo Szimpla :P. Fatte quasi le quattro decidiamo di rientrare, il giorno dopo sarà pieno quindi è meglio riposare! :P

III Giorno


Dopo esserci svegliati ed aver fatto colazione per pochissimi fiorini al supermercato cominciamo la nostra giornata con la visita di Buda, sponda sinistra del Danubio. Decidiamo di raggiungere il Ponte delle Catene e da lì attraversare il fiume; una volta arrivati a Buda dato che vi è una fila assurda per la funicolare ci avviamo verso le scale (siamo baldi giovani noi xD) e raggiungiamo la cima della collinetta a piedi.

Ovviamente la nostra meta è il Castello di Buda che vediamo solo da fuori! Qui c'è anche la statua di Toruk e le classiche guardie presidenziali dato che lì nella piazza c'è anche la sede del Presidente della Repubblica Ungherese! Da lì proseguiamo in direzione della chiesa di Mattia Corvino, passando per un mercatino davvero folkloristico vicino piazza San Giorgio!


La zona intorno la chiesa e il Bastione dei Pescatori è davvero fotogenica! Siamo stati certamente più di un'ora tra il fare foto e l'osservare lo splendido panorama che ci si stagliava davanti! La parte più lontana dei bastioni venendo dalla chiesa era aperta e non bisognava pagare (non so se è sempre così).
Da lì comunque decidiamo di scendere per raggiungere la Chiesa di Sant'Anna, ma soprattutto per "Nagyi Palacsintázója", una crêperia consigliata qui su Zingarate che a davvero pochi spiccioli ci ha permesso di degustare delle crêpes fantasmagoriche :P!

Proseguendo lungo tutto il Danubio raggiungiamo il ponte nei pressi dell'Isola Margherita, prendiamo il tram e ci fermiamo dinanzi al Parlamento, in quanto abbiamo la visita in italiano prenotata per le 17:30. Sia fuori che dentro il Parlamento Ungherese è davvero maestoso! Comunque dopo aver fatto il controllo dei documenti raggiungiamo il nostro gruppo ed entriamo accompagnati dalla guida (ricordo che per i cittadini dell'UE, previa prenotazione, l'ingresso è gratuito).

La visita è durata un'oretta e abbiamo visitato diverse sale, tra cui quelle degne di nota sono quella con la Corona Ungherese (sorvegliata a vista) e l'aula delle votazioni vera e propria!

Terminata la visita passeggiamo sul lungo Danubio e dopo aver attraversato una strada a scorrimento veloce un po' pericolosa raggiungiamo le famose scarpette in bronzo, monumento nel ricordo degli ebrei gettati nel fiume durante il nazismo... Da qui ritorniamo lentamente verso l'ostello e ci prepariamo per la serata budapestina. Fatta una certa ora ce ne torniamo :P!

IV Giorno

Ultimo giorno di visita a Budapest nell'insegna della cultura e del relax! Dato che l'indomani avremmo dovuto prendere la metro per raggiungere la stazione Népliget degli autobus e dato che siamo diretti a Piazza degli Eroi, abbastanza lontanuccia dal centro, decidiamo di fare un biglietto giornaliero che ci sarebbe valso anche per il giorno dopo, sfruttando l'offerta di gruppo per 5 e comprandone uno singolo (dato che siamo in 6), pagando così per un giornaliero all'incirca 3 €!

Prima tappa "Piazza degli Eroi"!
Dopo le classiche foto di rito decidiamo di entrare nel Museo delle Belle Arti di Budapest, pagando con lo sconto studenti circa 3 €. Tra gli artisti importanti ci sono Raffaello, Leonardo, Monet, Renoir, Cézanne, Van Gogh ecc.! Dopo la visita passeggiamo per il Vàrosliget ed entriamo nel castello Vajdahunyad, davvero molto carino. Il laghetto, gli alberi, il castello... tutto molto suggestivo :P.

Dopo aver mangiato in un chioschetto lì nel parco (assolutamente sconsigliato per prezzo, porzioni, tempi di attesa, ma noi eravamo davvero affamati e non c'era altro) finalmente entriamo nelle terme Szechenyi, sicuramente la tappa più attesa dell'intero viaggio!!!!!!!!!! A circa 12 € facciamo il biglietto giornaliero. Come già scritto in altri post vi viene dato un braccialetto magnetico che permette di passare i tornelli e di aprire gli armadietti. Ovviamente avevamo con noi costume ed asciugamani da casa (meglio così che noleggiare :P). Beh che dire? Vasche a 18, 20, 30, 50 gradi! Saune a 50, 60, 80, 100 gradi! Bagno turco! Piscina esterna immensa...

Purtroppo siamo stati all'incirca 4 ore perché siamo arrivati un po' tarduccio, ma son state 4 ore davvero megarilassantissime! Chi va a Budapest non può non andare alle terme, sicuramente un MUST :P!

Usciti dalle terme raggiungiamo Vorosmarty Ter e passeggiamo per l'ultima sera. Cena nuovamente al Drum di cui ho già parlato nel primo post! Lo riconsiglio per i prezzi davvero imbattibili! E tra birra e foto al Ponte delle Catene e Santo Stefano by night termina la nostra serata, si torna in ostello e si dorme... che alle 6 c'è la sveglia ed uno Stato da cambiare!!!

V Giorno

Sveglia di buon mattino; intorno le 11 a.m. parte il bus per Vienna, quindi diamo un'ultima occhiata alla stanza per controllare di non aver scordato nulla e lasciamo temporaneamente Budapest! Il bus parte dalla stazione Népliget che è facilmente raggiungibile grazie alla metro. La compagnia alla quale ci affidiamo è la solita Eurolines :) che a circa 17 € a/r ci permette di raggiungere la capitale asburgica.

Come già successe a Bratislava anche questa volta becchiamo dei bus davvero comodi, spazio invidiabile, wifi gratuito. Dopo circa 4 ore di viaggio giungiamo finalmente nella capitale austriaca e dopo un disorientamento iniziale volgiamo verso la stazione Erdberg della metro e da lì verso il nostro ostello, Wombat's at Naschmarkt.

Già all'inizio del resoconto ho espresso pareri estremamente positivi su quest'ostello, i 22 € a notte spesi sono strameritati per centralità, pulizia, servizi e comodità (nonostante avessimo comunque apprezzato un prezzo più "da ostello")!!!! In ogni caso dopo aver disfatto le valigie ed esserci cambiati decidiamo di cominciare un po' la nostra visita di Vienna, partendo da piazza San Carlo, davvero vicina all'ostello, con la maestosa chiesa omonima. Qui siamo ai confini del Ring, l'anello che divide il centro di Vienna dal resto della città.

Qui vicino vi è anche un palazzo di cui non ricordo il nome all'interno del quale vi era una mostra gratuita di pittura contemporanea... diciamo che una signora molto gentile ci ha preso per la strada e ci ha fatto entrare, altrimenti non ce ne saremmo accorti xD. Appena dentro al Ring la prima cosa da ammirare è la magnificenza dell'Opera di Vienna, tra i teatri più celebri del mondo. Procedendo verso sinistra, costeggiando il Ring, entriamo nel Burggarten, giardino alle spalle della Biblioteca Nazionale, all'interno del quale vi è anche un monumento ad uno degli austriaci più famosi di sempre... W. A. Mozart.

Usciti dal Burggarten "entriamo" in Heldenplatz, piazza davvero imperiale con i vari palazzi che costituiscono l'Hofburg, la residenza più famosa degli Asburgo (con anche i celebri appartamenti della principessa Sissi). Da qui si intravede anche la guglia principale del Rathaus viennese! Usciti dalla piazza ci dirigiamo prima verso il Parlamento Austriaco, con all'esterno una statua di Pallade Atena, dea della saggezza (come quella che dovrebbe ispirare i servitori dello Stato...); tutta la struttura, infatti, richiama un tempio greco.

Successivamente, a pochi passi, vi è il celebre municipio di Vienna, nella cui piazza antistante c'è un famoso mercatino gastronomico. Diciamo che la nostra intenzione era quella di mangiare lì ma i tavoli pienissimi ed i prezzi davvero esorbitanti (come comincia a mancarci Budapest!!!) ci hanno fatto desistere ed abbiamo ripiegato su un più economico, ma altrettanto gustoso, piatto di noodles comprato in uno dei tanti chioschetti che si possono incontrare per la città xD.

Dopo questo primo assaggio della città, dato che veniamo anche da 4 ore di bus, siamo davvero sfiniti e quindi ci congediamo per ricaricare le batterie xD.

VI Giorno

Se vogliamo trovare una pecca al nostro ostello è che la colazione non è inclusa, ma fortunatamente di fianco vi è un supermercato con prezzi abbastanza concorrenziali xD! Dopo aver bevuto un caffé-latte preconfezionato (stranamente buono) e mangiato una baguette al cioccolato comincia la giornata!
Oltrepassiamo il Ring e passiamo di fianco l'Opera (questa volta alla la luce del sole) per poi svoltare in direzione dell'Albertina. Da qui raggiungiamo Josefsplatz, le spalle dell'Hofburg e cominciamo ad intravedere la guglia del duomo di Santo Stefano!

Siamo in pienissimo centro storico e da Demel, famosa pasticceria viennese, facciamo conoscenza con la celebre Torta Sacher!!! Che dire? Squisitissima!!!! C'è da sempre una disputa tra Demel e l'Hotel Sacher per chi prepari la torta più gustosa... ma per ora non dico nulla (di lì a 2 giorni avremmo assaggiato anche l'altra torta xD). Per quanto riguarda il prezzo per una fetta abbiamo pagato poco meno di 5 € e di caratteristico vi è il fatto che all'interno si possono "visitare" le cucine, ossia si entra e le cucine sono visibili grazie ad una vetrata trasparente :).

Dopo aver gustato la torta percorriamo il Graben con la famosa Pestsäule e dopo pochi passi ci si staglia dinanzi il duomo di Santo Stefano (ricordiamo che il centro storico di Vienna è patrimonio dell'umanità UNESCO!). Peccato per dei ponteggi che rovinano le foto, ma la piazza, il duomo, il tempo, l'ordine e la pulizia rendono tutto davvero fantastico! L'ingresso del Duomo è, fortunatamente, gratuito, ma se si vuole salire in cima ovviamente si paga -.-.

Proprio nella piazza vi è una colonnina dell'acqua gratis (che per i prezzi viennesi è davvero una manna dal cielo); inutile dire che ci sono orde di turisti, ma meno ragazzi rispetto a Budapest per esempio. Di fronte il duomo vi è una casa moderna, la Haas-Haus, che crea un bel contrasto ed è davvero bello ammirare il duomo rispecchiarsi nelle vetrate dell'edificio :p. Un negozio in piazza da menzionare è quello dei wafer Manner, venduti un po' ovunque in quel di Vienna, dove potete trovare anche le famose "Palle di Mozart" a prezzi molto più competitivi rispetto a quelli che si trovano nei negozi di souvenir!!!

Dopo essere usciti dal Duomo e dal negozio Manner incontriamo degli italiani che molto gentilmente ci cedono i loro biglietti del Ring Tram che valgono 24 h. Ogni biglietto (costo 9 € o.O) permette il giro sul tram che percorre il Ring; è più che altro un tram turistico dato che ad ogni posto vi è un ingresso per le auricolari e dopo aver selezionato la lingua vi è una spiegazione turistica dei monumenti che vediamo dal tram... Personalmente non avrei mai speso 9 € per una cosa del genere, ma dato che ci sono stati "donati" ne approfittiamo e saltiamo in un batter d'occhio sul tipico tram giallo xD!
Dopo 2 giri completi del Ring scendiamo nei pressi della Votivkirche e dopo averla visitata ritorniamo al Municipio e al Parlamento, per apprezzarli con la luce del sole.

Vienna per ora si è dimostrata una città davvero dinamica, mezzi pubblici puntuali, pulizia estrema, molto verde, di contro però ci sono dei prezzi davvero alti, soprattutto se si vuol mangiare fuori... Ritornati sul Ring andiamo a Piazza Maria Teresa... peccato che anche questa sia in ristrutturazione e che la visita al Kunsthistorisches Museum, per motivi sia di tempo che di budegt salti, ma ci saremmo rifatti l'indomani con la visita al Belvedere... :P!

Da lì un altro giretto per Heldenplatz e comunque il solito Ring, per poi ritornare all'ostello per prepararci alla notte viennese!
Per la cena cuciniamo da noi usufruendo della cucina dell'ostello, mentre per la serata optiamo per una bella birrozza in un Irish Pub di cui non ricordo il nome nei pressi dello Stadtpark. Essendo patito di birre assaggio la locale Ottakringer :P (nulla di eccezionale però...).

Dopo la birra passiamo la serata nei dintorni di Schwedenplatz, dove si trova il "Triangolo delle Bermuda" (la zona dei locali)... In realtà, sarà che in estate Vienna si svuoti, ma questa che dovrebbe essere la zona dei locali per eccellenza non è molto piena... ed è venerdì sera... Sfortunati noi?
Detto questo lentamente, dato che si son fatte quasi le 3, procediamo on foot verso l'ostello, ammirando anche il duomo by night xd. Arrivati alla meta sprofondiamo nel letto!!!

VII Giorno

Dopo esserci preparati scendiamo e come al solito compriamo la nostra colazione di 1 € al supermercato che si trova di fianco l'ostello.
Questa sarà la giornata "culturale" in cui visiteremo l'Upper Belvedere, famoso per la collezione di Klimt lì esposta. Usciti dall'ostello passiamo nuovamente per Karlplatz per poi raggiungere Schwarzbergplatz, piazza con un monumento in onore dei Russi che sconfissero i Tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale.

Dalla piazza il Belvedere è davvero vicino! Fatti i biglietti (8.50 € sconto studenti) facciamo prima una passeggiata nel giardino (d'obbligo per raggiungere l'Upper Belvedere e free) per poi entrare nella struttura e ammirare tantissimi capolavori di Klimt, ma anche Schiele, Klee, Nolde, Kandinsky, David, Van Gogh, Monet, Manet, Pissarro, Renoir, ecc.

Ovviamente tutti gli occhi puntati su "Il bacio", quadro che da sempre volevo ammirare dal vivo! La visita del Belvedere ci impegnerà per un paio d'ore, anche perché usciti dal museo troviamo delle panchine libere e ci riposiamo a dovere :P.

Usciti dal Belvedere decidiamo di raggiungere il più famoso parco cittadino, lo Stadtpark, che avevamo già intravisto il giorno prima durante il giro in tram sul Ring. Da menzionare la statua bronzea di Strauss junior che suona il violino. Da lì a piedi proseguiamo in direzione Danubio, un po' lontanuccio, ma dopo il lungo riposo le forze non ci mancano!

Prima passiamo per il canale e poi raggiungiamo il main river, davvero mastodontico e più largo rispetto alla controparte ungherese che abbiamo visto a Budapest! Fa caldo e lungo le rive del fiume ci sono vere e proprie spiagge con sdraio, ombrelloni, bar e tutto quello che si ha a mare (manca però l'acqua pulita... altro che "Bel Danubio blu" xD)!

Per raggiungere il fiume passiamo ovviamente anche per il Prater in cui spicca la famosa Ruota Panoramica dalle canine rosse (che sinceramente immaginavo più alta...). Una chiesa che merita una menzione è la chiesa di San Francesco, la più imponente che c'è lungo le sponde del fiume. Se all'andata siamo andati a piedi al ritorno decidiamo di fare il biglietto della metropolitana in quanto questo lungo tragitto ci ha sottratto 1 ora! Ma prima di prendere la metro pausa spuntino a base di noodles (ma perché in Italia non li vendono così facilmente? -.-).

La metro di Vienna è abbastanza efficiente, ma la cosa che più mi ha colpito è stata il vedere un topolino indifeso che scorazzava lungo la banchina xD!
Una volta scesi direttamente a Naschmarkt rientriamo in ostello. La notte viennese la passeremo come al solito nella zona del triangolo delle Bermuda xD.

VIII Giorno

Ultimo giorno intero a Vienna :(. Ci svegliamo tardissimo e scendiamo direttamente per il pranzo. Questa giornata sarà all'insegna del relax... avremmo dovuto visitare il Castello di Schönbrunn, ma alla fine optiamo appunto per qualcosa di meno impegnativo, ossia oziare per il centro di Vienna (anche perché il castello non è proprio vicino al centro).

Dopo aver passeggiato nei giardini vicino la biblioteca nazionale ci ricordiamo che ci manca la degustazione della Sacher all'Hotel Sacher, quindi ci fiondiamo xD... Che dire?!?!?! Per me il paragone tra Demel e Hotel Sacher non regge... Centomila volte Hotel Sacher!!!!!!! I motivi? Per prima cosa il servizio... Qui per 5 € abbiamo mangiato una torta gustosissima seduti in un hotel a 5 stelle, mentre da Demel abbiamo mangiato in piedi fuori la pasticceria! In secondo luogo da Demel la torta era troppo morbida, mentre all'Hotel Sacher era più consistente, meno friabile, più corposa!

Ovviamente 5 € solo la torta... evitate di prendere bevande perché tipo 75 cc di acqua costavano DODICI EURO (e 50 centesimi)!!!!!!!!!!!!!!!!!
Usciti dall'Hotel passiamo la giornata a girovagare nei pressi del Duomo; quest' ultimo giorno davvero vola e ci ritroviamo all'ora di cena... Avremmo voluto mangiare qualcosa di tipico, ma i prezzi sono proibitivi, per cui la nostra scelta ricade su un ristorante cinese ed io mi ripiglio i soliti noodles... buoni ed economici xD! La sera rincasiamo presto in quanto l'indomani sveglia alle 6 che ci tocca il bus per Budapest!!!!

IX Giorno


Sveglia di buon mattino - check della stanza - check-out - metro - bus - arrivo a Budapest - metro + bus per l'aeroporto - pranzo da KFC - volo - arrivo a Ciampino e 2 ore di macchina... and back to Naples!!!

Spero che questo resoconto di viaggio vi possa essere utile! Alla prossima!

Scopri